Rocknrolla: rock e nuovi gangster secondo Guy Ritchie

Rocknrolla | #TBT Guy Ritchie

Il criminale classico, quello di una volta, fa affari con la droga, le armi, le rapine. Quello di Guy Ritchie in questo film del 2008 fa affari con la speculazione edilizia, le mazzette e gli appalti. I tempi cambiano.

Una cosa che non cambia, però, è questa: quello spregevole, in una storia, è sempre quello che non ama il rock n’ roll. E la rockstar Johnny Quid ce lo spiega con un flashback e una bella canzone dei Clash, “Bankrobber”:

Con Rocknrolla Guy Ritchie torna, dopo due film sicuramente poco riusciti e poco apprezzati come Swept Away (oggettivamente più che discutibile remake dell’italiano “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto” del 1974, con la ex moglie Madonna che veste – indegnamente – i panni di Mariangela Melato) e Revolver (del 2005), ad occuparsi di storie di gangster veloci e contorte che, se sicuramente sono debitori di un certo Tarantino e del Paul McGuigan di Slevin e altri film, aiutano però a confezionare una pellicola godibile e divertente, sorretta da una colonna sonora che invece è di prim’ordine e che comprende, oltre ai già citati Clash, anche Lou Reed, The Hives, The Scientists e altri ancora.

Il MacGuffin (una definizione hitchcockiana per indicare l’oggetto che è il motore virtuale e pretestuoso della trama) in questa pellicola è il quadro portafortuna del miliardario russo Yuri Omovich, che attraverso vari passaggi di mano collega tutti i personaggi.

Una pellicola godibile e divertente – anche se non raggiunge i precedenti “Lock & Stock – Pazzi scatenati” e “Snatch”, che sicuramente sono i suoi lavori migliori. Consigliata soprattutto agli amanti del genere e agli estimatori del rock, che ne apprezzeranno la colonna sonora. Un film che sicuramente rappresenta una risalita rispetto ai due flop precedenti già citati, risalita che continuerà poi con i due fortunati Sherlock Holmes, che hanno avuto un discreto successo di pubblico.

Guy Ritchie dal 2 settembre è tornato nelle sale con “Operazione U.N.C.L.E.”, che però ha ottenuto una accoglienza tiepida da tutti i punti di vista.

Tags from the story
,
Written By
More from Redazione

Il Refettorio: miracolo a Milano | Il progetto di Massimo Bottura arriva al Cinema

E’ una delle pellicole indipendenti più interessanti di questo inizio 2017. Parliamo...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *